Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘siria’

Help Syria

Partecipo all’iniziativa di Agire atta a diffondere notizie sull’emergenza umanitaria in Siria, Paese che ho visitato e molto amato. Purtroppo i media non danno il giusti rilievo alla situazione e con questa mobilitazione speriamo di dar voce a un popolo in grave difficoltà. Per rimanere aggiornati sulle notizie seguire l’hashtag #Siria su Twitter.

45500

Questo è il numero per le donazioni, che sarà attivo fino al 25 settembre e consentirà di donare due euro tramite SMS da cellulari TIM, Vodafone, 3, Poste Mobile, CoopVoce, Tiscali e Nòverca o chiamando da rete fissa Telecom Italia, Fastweb, Tiscali e TeleTu.

Sono inoltre attivi i seguenti canali di donazione:

  • On-line: con carta di credito, Paypal o PagoInConto (per clienti del gruppo Intesa Sanpaolo) sul sito http://www.agire.it
  • In banca: con bonifico bancario su conto corrente di Banca Prossima intestato ad AGIRE ONLUS, Via Aniene 26/A – 00198 Roma. IBAN: IT64 R 03359 01600 100000013915 Causale: “Emergenza Siria”, oppure presso le agenzie delle Banche del Gruppo Intesa Sanpaolo utilizzando il codice “Grande Beneficiario” 9660 per ottenere la gratuità dell’operazione.
  • In posta: con bollettino postale sul conto corrente postale n. 4146579, intestato ad AGIRE ONLUS, Via Aniene 26/A – 00198 Roma.

Disclaimer – Questo post si inserisce all’interno del progetto BloggaperAGIRE, un’ iniziativa di comunicazione e raccolta fondi ideata da AGIREonlus per dar voce alle emergenze umanitarie. I contenuti del post non hanno nessuno scopo politico. Il lavoro delle ONG di AGIRE è slegato da qualunque agenda politica e avviene nel rispetto assoluto dei tre principi umanitari fondamentali di neutralità, imparzialità e indipendenza.

Help Syria

Attending the initiative of agire.it  act to spread the word the humanitarian emergency in Syria, a country that I have visited and loved. Unfortunately, the media do not give the right importance to the situation and this mobilization we hope to give voice to a nation in serious trouble.

Disclaimer – This post is part of the project BloggaperAGIRE, a ‘communication initiative and fundraiser created by AGIREonlus to give voice to humanitarian emergencies. The contents of this post have no political purpose. The work of NGOs to ACT is not linked to any political agenda and is in the absolute respect of the three fundamental humanitarian principles of neutrality, impartiality and independence.

Read Full Post »

Diamanti verdi

Frutto prezioso dalle nobili origini, il pistacchio era noto già anticamente agli Ebrei. Introdotto in Occidente dagli arabi è originario del Medio Oriente, ma in Italia solo in Sicilia ha trovato l’habitat ideale per uno sviluppo rigoglioso. Per una buona produzione è necessario piantare una pianta maschio ogni otto femmine, in modo che quest’ultime possano essere impollinate con l’aiuto del vento.

La parola “pistacchio” deriva dall’arabo fustuaq, dal persiano pesteh; è un nome onomatopeico in quanto richiama il rumore del guscio che, maturando, si apre improvvisamente emettendo un pis-tak.

La maggior produzione mondiale proviene dal Medio Oriente; da noi è certamente famoso quello di Bronte e, per quanto sia incline a valorizzare i prodotti italiani, apprezzo maggiormente i pistacchi turchi e siriani per il loro spiccato sapore.

 Nel mio viaggio in Siria ho potuto godere di una quantità incredibile di pistacchi crudi e non salati; mentre rientrando e percorrendo in Turchia una strada secondaria che da Gaziantep conduce verso Kayseri, ho ammirato i bellissimi alberi con i grappoli di frutti rosati ancora attaccati ai rami.

 La ricetta di oggi può essere utilizzata per uno sfizioso aperitivo o per una merenda.

 Biscotti di parmigiano e pistacchi

ingredienti: 200 gr farina, 1 uovo, 100 gr burro, 80 gr parmigiano grattugiato, pistacchi.

 Amalgamare la farina, l’uovo, il burro a temperatura ambiente e il parmigiano fino a formare una pasta soda e liscia. Lasciate riposare in frigorifero per 30 minuti. Ricordate che la pasta frolla va lavorata velocemente, scaldandosi si rovina.

Trascorso il tempo di riposo, stendete una sfoglia spessa circa mezzo centimetro e tagliate i biscotti della forma che preferite. Metteteli su di una teglia, adagiate su ognuno un pistacchio intero ed infornate a 180 °C per circa 20 minuti. Sono ottimi tiepidi ma anche freddi.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: